Il Viandante - Gli Artisti

Il Viandante - I Video

Il Viandante - Visite virtuali

 

Diocesi Acerenza: Acerenza

 

Acerenza - Veduta aerea

alt. 833 slm - km 42 da Potenza.

   Nella storia  stata considerata come città strategica, ma "situata com'è su un picco isolato, scoperta da  tutti i lati,  veramente il regno del vento" (Lénormant). Sede vescovile dal V secolo, il suo primo presule  stato san Giusto, presente al Sinodo romano del 499. Nel X secolo la diocesi  suffraganea di Otranto (cio fa parte di una provincia ecclesiastica da cui dipende gerarchicamente) su decisione dell'imperatore e dell'arcivescovo di Costantinopoli. La diocesi pugliese così di rito greco.

   Papa Giovanni XV, (985-996) sottraendola ad Otranto, la rende suffraganea di Salerno (12.07.989), di rito latino.  Il Concilio di Melfi del 1059 forse la eleva alla dignità di chiesa arcivescovile; la certezza si ha però con il privilegio concesso all'arcivescovo Arnaldo il 13 aprile 1068 da papa Alessandro II (1061-73).  Pasquale II (1099-1118) le assegna nel 1106 cinque diocesi suffraganee: Venosa, Gravina, Tricarico, Anglona-Tursi, Potenza. Innocenzo III (1198-1216) la unisce alla cattedrale di Matera (1203), ed  solo nel 1440 che quest'ultima città  elevata a diocesi autonoma e successivamente riunita ad Acerenza, per cui l'unico vescovo insieme titolare di entrambe le diocesi. Le quali tornano ad essere separate nel 1954, ma Acerenza non  più chiesa metropolitana perché il suo titolo passa a Potenza dall'11 febbraio 1973. 

Acerenza Calvello

 
 
 
 
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy