Anfora da trasporto

  • Stampa

Fra i reperti più diffusi della romanità,  era utilizzata per il trasporto generalmente di vino e olio ma anche di olive  e di garum, tipica salsa romana, ottenuta dalla macerazione di interiora di pesce.

Attraverso lo studio delle anfore si può risalire alla loro provenienza e ricostruire il sistema di scambi commerciali e di conseguenza l'economia del territorio.

La particolare forma della base, a puntale, e le dimensioni relativamente ridotte (diametro ca. 35 cm, altezza ca. 1 m), ne facilitavano lo stivaggio nelle navi.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy