Il Viandante - Gli Artisti

Il Viandante - I Video

Il Viandante - Visite virtuali

 

Il Viandante: Montescaglioso - Chiesa Madre dei SS. Pietro e Paolo

 

Mattia Preti, Cena in casa Levi, tela, XVII secolo.

  Mattia Preti nasce in Calabria nel 1613. Si trasferisce a Napoli e subito attira l'attenzione di una certa nobiltà locale. Negli anni Trenta va a Roma  e qui studia le opere di Caravaggio e quelle della corrente neoveneta  - Poussin, Mola, Testa - . Dopo un viaggio nel Nord dell'Italia, dove ha modo di conoscere la pittura "classica" veneta, torna a Napoli. Qui "rimedita sul caravaggismo locale giungendo a realizzare in pochi anni una serie di opere di straordinaria bellezza, tanto da renderlo protagonista indiscusso della scena artistica" (Spinosa).

   Peccato che nella chiesa  il quadro sia mal collocato,  tale da rendere difficile la sua lettura e il suo godimento estetico.

(cfr. Scheda - Mattia Preti)

 

 

Mattia Preti, Adorazione dei Magi, tela, XVII secolo.

  Questo pittore, nato in Calabria nel 1613 e morto a Malta nel 1699,  uno dei pi eminenti della Napoli dei Seicento. Negli anni Trenta va a Roma dove entra subito in contatto con le opere del Caravaggio subendo una prima influenza. Assimila quindi  la corrente neoveneta, di cui fa parte anche Poussin. Compie una serie di viaggi per ampliare le sue informazioni pittoriche. A Venezia interiorizza la pittura di Paolo Veronese. Tornato a Napoli realizza in pochi anni una serie di opere molto belle.

  Questa tela, assieme alle altre tre presenti nella parrocchia,  stata donata nell'Ottocento dal marchese Cattaneo.  Peccato che nella chiesa  il quadro sia mal collocato,  tale da rendere difficile la sua lettura e il suo godimento estetico.
(cfr. Scheda - Mattia Preti)

 

 

Mattia Preti, Adorazione dei pastori, tela, XVII secolo.

   Mattia Preti nasce in Calabria nel 1613. Si trasferisce a Napoli e subito attira l'attenzione di una certa nobiltà locale. Negli anni Trenta va a Roma  e qui studia le opere di Caravaggio.

Dopo un viaggio nel Nord dell'Italia, dove ha modo di conoscere la pittura veneta, torna a Napoli. Qui rimedita sul caravaggismo locale e realizza molte opere, tra cui questa di Montescaglioso, nella quale la composizione si sviluppa con una armonia che trova nell'accordo cromatico una buona espressione.

   Peccato che nella chiesa il quadro sia mal collocato, tale da rendere difficile la sua lettura e il suo godimento estetico.

(cfr. Scheda - Mattia Preti)

 

 

Mattia Preti, Nozze di Cana, tela, XVII secolo.

  In questo quadro si  voluto scorgere un "omaggio ancora giovanile di Mattia Preti, [calabrese, nato nel 1613 e morto nel 1699]  al Paolo Veronese  delle Nozze di Cana acquistate dal duca Francesco  d'Este nel 1645, ed ora a Dresda. Si tratta comunque per il Preti d'una citazione isolata" (Grelle).

   Peccato che nella chiesa  il quadro sia mal collocato,  tale da rendere difficile la sua lettura e il suo godimento estetico.

(cfr. Scheda - Mattia Preti)

 

 

 
 
 
 
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Policy & Privacy